EVENTI

  Homepage
Eventi
- Recenti e prossimi
- Attività svolte
- Casa Lara

Chi siamo
- Iscandula
- Dante Olianas

A.F.W.Bentzon
- Il ricercatore
- Biografia
- Bibliografia
- Fotografie
- Interviste
Pubblicazioni

ACQUISTA

Free download

Launeddas
- Approfondimenti - Cuntzertus
- Tipologie
- Launeddas storiche

Contatti
NEWSLETTER
Donazioni
Mappa del sito

Recenti e prossimi

Per essere aggiornato sui prossimi appuntamenti culturali organizzati da ISCANDULA, consulta la nostra pagina www.facebook.com/iscandula

Seguici su Facebook


 

AGGIORNAMENTO DATA
7 - 8 settembre 2019

IS SONUS DE IS PERDAS FITTAS

Programma
presso il villaggio di Nuraxi (San Simone) 
tra Mandas e Villanovafranca, SP n. 36 

Sabato 07 settembre 2019
Domenica 08 settembre 2019

Apertura della manifestazione

Sabato 07 settembre 2019

h. 17.00, saluto del Sindaco di Escolca On. Eugenio Lai   

h. 17.10, saluti del presidente della Pro Loco di Escolca, Aldo Piras

h. 17.20, presentazione della manifestazione e del programma, Dante Olianas

h. 17.30  “Incontro tra archeologia e archeoastronomia”

Arnold Leboeuf , “Il pozzo di Santa Cristina, un osservatorio lunare” 
Mauro Peppino Zedda “Il significato astronomico dei nuraghi” 
Mauro Peppino Zedda riferirà anche su “L'allineamento del nuraghe del villaggio di Nuraxi al solstizio estivo”

Coordina Piersandro Pillonca

h. 18.00 pausa

h 18.15 “Idee e pratiche per lo sviluppo del territorio”

Viviana Sirigu , responsabile del panificio Kentos “ Le strategie per la valorizzazione dei prodotti del territorio ”

Artemio Olianas, responsabile cantine Olianas di Gergei “Le difficoltà nella valorizzazione della viticoltura del Sarcidano”

Paolo Cortis, responsabile di “ Zafferano Cortis” di Villanovafranca “Le biodiversità del territorio”

Dante Olianas , presidente di Iscandula “ Le potenzialità turistico-culturali del villaggio di Nuraxi ”

Coordina Liborio Vacca “Liboriu“

Domenica 08 settembre 2019

h. 17.00 Convegno su “La musica sarda nella scuola italiana” 

Dante olianas, “L'esperienza di Iscandula nell'Insegnamento della musica sarda nelle scuole pubbliche”

Paolo Zedda , primo firmatario della L.R. n. 22/2018 “Una tutela della lingua sarda e delle arti proprie della Sardegna” 

Coordina Enzo Vacca “Liboriu”

h. 17.45 pausa

h. 18.00 “La Sardegna di Bentzon” 

Ignazio Macchiarella , doc. etnomusicologia dell'Università di Cagliari, “ Bentzon nella ricerca sulla musica sarda ”

Uliano Lucas , fotoreporter,  “La Sardegna nelle foto di Bentzon dal '55 al '65”  

Christian Ejlers , compagno di viaggio di A. F. W. Bentzon, “ La Sardegna degli anni ’50 vista da due giovani intellettuali danesi ”

Paolo Frau , già assessore alla cultura di Cagliari, “Un omaggio a Bentzon”   

Coordina Enzo Vacca “Liboriu”


7 e 8 settembre

dalle 17.00 

Mostra Fotografica NIMBUS

Nelle lollas del villaggio sarà visitabile la mostra fotografica (gigantografie, foto 50x50, e sagome) realizzata con gli scatti di Bentzon in Sardegna tra il 1955 e il 1965. 

Considerata la relazione tra la comunità di Escolca con i suonatori Antonio Lara e suo padre Giuseppinu (fine 1800-1940 circa), una lolla sarà interamente dedicata alle foto e ai rapporti epistolari tra Bentzon e Antonio Lara.

Vibrazioni del passato 

La lolla n. 4 (dentro il nurgahe), curata dal laboratorio di Pitano Perra, ospiterà le repliche degli strumenti musicali rappresentati nei bronzetti nuragici. Gli strumenti verranno suonati e confrontati con altri strumenti del Mediterraneo.

Laboratori di costruttori di strumenti musicali 

Diversi laboratori di artisti e Maestri costruttori di strumenti musicali sardi saranno allestiti nelle lollas durante le due giornate: 

launeddas Franco Melis, Luciano Montisci, Peppe Cuga, Giancarlo Seu, Nino Mura e Ignazio Olianas 

campane (sonallas) Ignazio Floris , Tonara

set di campanacci Pitano Perra , Maracalagonis

Tenore "Su cuntrattu de Seneghe" (il 31 agosto)

Basciu e contra Filippo Urru e Rossano Cardia, Sinnai 

Tamborra Gavino Sedda , Gavoi

Benas e oggetti sonori Mondo Usai , Seneghe 



Musicisti e poeti improvvisatori  

Un gruppo di musicisti e cantanti sarà presente durante le due giornate e offriranno le loro esecuzioni estemporanee.

Bruno Camedda , fisarmonica, organetto (il 7 settembre)

Asael Camedda, chitarra (il 7 settembre)

Peppe Cuga , launeddas 

Franco Melis , launeddas

Su Cuntrattu de Seneghe , tenores, (il 7 settembre)

Gianfranco Maxia, launeddas

Giada Picciau, organetto

Nino Mura , launeddas 

Paolo Olianas , launeddas  

Filippo Urru , basciu e contra (8 settembre) 

Rossano Cardia , basciu e contra (8 settembre)   

Giuliano Armas (8 settembre) 

Paolo Zedda , poeta


Scuole di musica sarda 

Alcune lollas saranno dedicate alle scuole di launeddas e di organetto:

M° Gigi Arisci , organizzata da Iscandula con il Circolo ME-TI, a Cagliari

Gianfranco Maxia , di Villaputzu

M° Orlando Mascia, con sedi in Maracalagonis, Capoterra e Villa San Pietro 

M° Franco Melis e l'Associazione Sonus Antigus di Tuili 


Esposizione di materiali e documenti d'epoca sulla produzione della “carapigna” con degustazione

 

Mustaionis 

In tutto il villaggio, esposizione dei mustaionis del M° Mario Serrau di Escolca

h. 19.30   

Visita guidata di Uliano Lucas alla mostra fotografica di Bentzon

Presentazione a cura di Pitano Perra delle caratteristiche acustiche del set di campane del gregge Vittorio Boi “Sa pompa” di Escolca con le spiegazioni di Ignazio Floris sulla tecnica di accordatura dei canpanacci (sonallas)

h. 20.30 cena

Nelle due giornate presso il villaggio di Nuraxi sarà a disposizione un punto ristoro organizzato da “Gust'Osando” 

h.22.00

nella piazza “Funtan'e morus”, “ Bell'arrosa, sa primu discoteca de ballu sardu in su mundu ” con Bruno e Asael Camedda (sabato 7 settembre); Domenica 8 settembre, con i suonatori presenti al festival.


Info:

Associazione Iscandula cell. 348 2256594, email: siscandula@tiscali.it , il programma e gli ulteriori aggiornamenti sono consultabili sul nostro sito  http://launeddas.it/iscandula/eventi.php

Il servizio ristorante sarà gestito da "Gust'Osando" di Selina Schirru.

Vedi più sotto, menu e indicazioni per le prenotazioni.


AVVERTENZE 

  • per i partecipanti "Expo della musica sarda" - "Is sonus de is perdas fittas" in Nuraxi 

  • Il villaggio si trova sulla Strada Provinciale n. 36, km 8,5, tra Mandas e Villanovafranca; https://www.google.it/maps/@39.6547237,9.0613422,482m/data=!3m1!1e3  

  • non è raggiungibile con mezzi pubblici

  • non è collegato alla rete elettrica, la corrente sarà garantita da un gruppo elettrogeno

  • non è collegato alla rete idrica e non c'è acqua potabile 

  • non c'è campo per i cellulari. Per avere la connessione bisogna spostarsi sulla strada provinciale

  • non ci sono abbastanza sedie, è consigliabile che ognuno si porti la propria 

  • Il Comune di Escolca ha emmesso un'ordinanza che vieta l'utilizzo della plastica monouso. Fate il possibile per rispettarlo

  • Nel sito sarà presente una "Isola ecologica" e dei raccoglitori più piccoli per la raccolta differenziata dei rifiuti. Onde evitare pesanti multe, vi preghiamo di usare la massima attenzione nel differenziare e gettare i rifiuti nell'apposto contenitore.

  • I fumatori sono pregati di munirsi di portacenere.

 

Note sul villaggio di Nuraxi

Il villaggio di Nuraxi (anche chiamato San Simone) sorge lungo la SP n. 36, tra Mandas e Villanovafranca ma, nonostante i dieci kilometri che lo separano, è una enclave del comune di Escolca.

Le casette, chiamate dagli escolchesi lollas, sono raggruppate intorno ad un nuraghe (da cui il nome Nuraxi) che rislta allineato con un altro nuraghe e, insieme, traguardano il sorgere del sole al solstizio estivo.

Il muro del nuraghe nel villaggio fa da sostegno a due lollas di cui una realizzata al suo interno. 

Con l'arrivo della religione cattolica, a pochi metri dal nuraghe, venne eretta una chiesa dedicata a San Simone. 

Secondo gli studi del Prof. Marco Cadinu, tutti i villaggi sardi abbandonati nel Medioevo hanno mantenuto solamente la funzione religiosa. Quello di Nuraxi è l'unico che ha mantenuto sia la funzione religiosa sia quella economica.

A quanto si racconta "i migranti" di questo borgo furono accolti e si integrarono con la comunità di Escolca e insieme hanno continuato, fino ad oggi, ad utilizzare le casette quando vi si recano per coltivare i terreni o per la festa di San Simone (a Pentecoste per via della luna piena). Al momento è la festa più sentita dagli escolchesi.

La frequentazione del borgo dal periodo nuragico fino ad oggi ci lascia intendere che, uno scavo archeologico nel sito (cosa che auspichiamo fortemente) riporterebbe alla luce dai tappi di plastica ai bronzetti, anche se, per questi ultimi, ci hanno già pensato i solerti tombaroli qualche anno fa. 

Nel 2004, grazie ad un contributo pubblico, molte casette o lollas sono state parzialmente ristrutturate senza alterarne la struttura originaria. 

Ci auguriamo che gli escolchesi continuino a mantenere questo sito per altri quattromila anni.

 

 


 

RISTORANTE CON SERVIZIO BAR

Menù 7 settembre
Mustela, salsiccia secca e formaggi
Panadeddasa di verdure
Malloreddusu al ragù di pecora
Pecora con patate al sugo.
Oppure Malloreddusu al sugo e basilico e pudda amuttada (gallina al mirto): la scelta va specificata al momento della prenotazione.
Frutta di stagione
Acqua
Vino della cantina Olianas di Gergei
Pane kentos

Menù 8 settembre
Prosciutto e melone
Prazzira de tammatta
Insalata fregola con salsiccia fresca, zafferano e pomodoro fresco.
Polpette alla vernaccia e polpette di melanzane su crema di ceci
Frutta di stagione
Acqua
Vino della cantina Olianas di Gergei
Pane kentos

"Su prenotazione" possibilità di menù interamente vegetariani e menù che tengano conto delle allergie e delle intolleranze.

Il ristorante con servizio bar sarà eco-friendly: eco perché utilizzeremo per il servizio pranzo e chiosco bibite, vassoi, posate e bicchieri compostabili

Adulti: 15.00 euro
Bambini: 0/3 gratis, sino ai 10 anni metà prezzo

Per informazioni e/o prenotazioni:
Selina 3463863223 (anche whatsapp)

 


 


 


Da Fridolin all'Era Digitale – L'Antropologia Visuale dell'Etnomusicologia

Un simposio sulla ricerca pratica nella musica intorno al mondo

Aarhus | Danimarca | Giugno 1-2 | 2017


9 Settembre 2016 - ORE 17.00
Sala ERSU - Corso V.Emanuele 68
CAGLIARI



Eventi imminenti: 9 - 12 - 13 - 15 - 16 - 17 Settembre 2016

Vuoi essere informato via mail?

Iscriviti alla nostra NEWSLETTER >


  In s'arregodu de tziu Adamu Billai

25 Ottobre 2014

Uta

Materiali consultabili >




A.F.W.Bentzon e B.Palmas   In s'arregodu de ziu Beniaminu Palmas, su Sonadoreddu

Sabato 23 Novembre 2013
ore 17.00

Casa della Cultura
Via Giulio Cesare
Monserrato


PROGRAMMA

Saluto ai partecipanti da parte di:
Giovanni Argiolas, Sindaco di Monserrato;
Marco Asunis, Assessore alla Cultura di Monserrato;
Tilde Cabras, nipote di Beniamino Palmas;

Interverranno i relatori:
Dante Olianas, "Palmas nel panorama musicale isolano del secolo scorso";
Michele Deiana, "Fotografie e dettagli biografici del Palmas";
Umberto Cao, "Il rapporto tra l'antropologo danese Bentzon e il suo informatore Beniamino Palmas";
Luciano Montisci, "Analisi degli strumenti e giustificazione degli interventi di restauro";
Graziano Montisci, "L'organologia e i sistemi costruttivi delle launeddas del Palmas" e "Le caratteristiche sonore delle launeddas del Palmas".

Al termine ci sarà il concerto di launeddas con: Graziano Montisci, Gianluca Piras, Michele Deiana.

Nella stessa sala verrà allestita l’esposizione delle launeddas originali di Beniamino Palmas e le foto che lo ritraggono con l’antropologo Andreas Bentzon.

INGRESSO LIBERO, NON MANCATE!

Evento realizzato col patrocinio della Regione Autonoma della Sardegna e in collaborazione con la Provincia di Cagliari.


Launeddas: storia di un film ritrovato

Sabato 28 settembre a partire dalle 15:30, presso il Museo Archeologico "Su Mulinu" di Villanovafranca, si è tenuta la conferenza di Umberto Cao che ha parlato dell'antropologo danese Andreas Fridolin W. Bentzon, e di Dante Olianas che ha illustrato le vicende che hanno portato al ritrovamento delle pellicole e al montaggio del documentario "Is launeddas la musica dei sardi".

Museo Archeologico "Su Mulinu" di Villanovafranca - Conferenza di Umberto Cao


Visiona le attività svolte da Iscandula >

 

 

 
 
          
 
Copyright © 2002 / 2019 Associazione Iscandula - Via Perda Bona, 6 - 09045 Quartu Sant'Elena (CA)
P.IVA 01878590924 - Cellulare +39 348 2256594 - siscandula@tiscali.it